L’umanità di Marsia

“L’umanità di Marsia” dal Dams alla Globalità dei Linguaggi – Roberta Recchia – Edizioni Accademiche Italiane

Il mito di Apollo e Marsia viene interpretato e riletto secondo le metodologie e i principi della Globalità dei Linguaggi. Si delinea un percorso che attraversa tutte le discipline artistiche, e che partendo dalla valorizzazione dei comportamenti insensati, come la sorte di Marsia, pone accento alla sfida che ogni individuo intraprende quotidianamente nel tentativo di superare i propri limiti. Si delinea l’importanza dei sensi, del tatto del quale il satiro viene privato per opera di Apollo, della contesa strumentale, della simbologia del colore e delle materie nelle testimonianze iconografiche, pittoriche, scultoree che lo hanno immortalato nel corso dei secoli. I potenziali umani, le manifestazioni espressive, dal gesto alla parola, all’arte stessa, contengono un modo globale di percepire l’essere. Marsia incarna l’umanità intera, l’emotività, il superamento di sé stessi, la volontà di combattere contro quanto è razionale e a cui si dà spesso maggior valore. La metamorfosi, la trasformazione del suo corpo, l’identità, confermano che ogni essere è in costante trasformazione, nella ricerca continua della comprensione e valorizzazione dei propri potenziali e comportamenti.

Link di acquisto

Non si dovrebbe parlare di discipline o campi del sapere senza l’educazione all’umanità’. Attraverso una rilettura originale del mito di Apollo e Marsia, si delinea un percorso di comprensione del corpo, dell’identità’, dell’emotività’ propria a ciascun individuo.
Un percorso artistico che, partendo dalla valorizzazione dei comportamenti insensati, pone accento alla sfida che ogni individuo compie, nel tentativo di superamento dei propri limiti. I potenziali umani e le manifestazioni espressive contengono il percepire globale dell’essere. Marsia, da satiro mitologico, incarna l’umanità intera, l’emotività, la volontà di combattere contro quanto è razionale e a cui si conferisce spesso maggior valore. La metamorfosi, il processo d’identità’, confermano che ogni essere è in costante trasformazione, nella ricerca continua della comprensione e valorizzazione dei comportamenti.

“Ogni gesto, opera, evoca una storia, risveglia simboli e flussi concatenati di pensieri, memorie personali e ancestrali. Scopo dell’arte è la creazione di un oggetto simbolico che contenga e comunichi un’idea che riveli l’identità dell’artista, mediante il coesistere di tutte le sue facoltà, manuali, intellettuali, poetiche, affettive ed emotive.”

Dall’importanza dei sensi, del tatto del quale Marsia viene privato, alla contesa strumentale, alla simbologia del colore e delle materie nelle testimonianze iconografiche, pittoriche, scultoree che lo hanno immortalato nel corso dei secoli.

Mito e realtà’ si fondono plasmando un sentire e percepire l’arte in ogni sua forma, in modo globale e avvincente. La mitologia è intrisa di attualità` e umanità e questo è sicuramente un libro utile per gli appassionati di mitologia e arte! B.P.

All’interno della pubblicazione, l’intervista all’artista Ignazio Campagna